Blog

Cosa fa un dentista

Cosa fa un dentista

Prima di chiedersi cosa faccia esattamente un dentista, sarebbe bene sapere chi sia effettivamente un dentista.

Ebbene, quella del dentista è una professione sanitaria che è esercitabile solo ed esclusivamente, è doveroso sottolinearlo, conseguendo una laurea o in odontoiatria, che è un corso di studi specialistico, o in medicina e chirurgia con successiva specializzazione in odontoiatria. Alla luce di questo, si sappia inoltre che esiste quindi un albo di odontoiatri a cui essere obbligatoriamente iscritti. Precisiamo a questo proposito che, considerando che molti si spacciano per dentisti, dentista è sinonimo di odontoiatra ma che odontoiatra non è sinonimo di odontotecnico. Quest’ultimo infatti, come dice la parola stessa, è un tecnico e non un medico.

Tornando a noi, il dentista si occupa dunque non solo di denti, ma pure di tutto ciò che riguarda il cavo orale, compresi organi e tessuti annessi e connessi, come bocca, denti e gengive, ma anche mucose e labbra (ulteriori info sul sito ufficiale ANDI e su http://dentistabari.org). Il dentista comincia formulando una prognosi, poi una diagnosi e successivamente prescrive una terapia in caso di malattie o anomalie della cavità orale. Ma non solo, l’odontoiatra si occupa anche e sopratutto di prevenzione, dando preziosi suggerimenti al paziente su come prendersi cura della propria bocca e di come praticare una buona e quotidiana igiene orale, andando così a scongiurare quelli che sono veri e propri interventi la maggior parte delle volte fastidiosi e soprattutto dolorosi.

Possiamo ora spiegare cosa fa nello specifico un dentista.

Prima di tutto un dentista esegue delle visita, ovvero osserva scrupolosamente tutta la cavità orale, realizzando quindi un check-in totale, un quadro completo della nostra bocca, a prescindere dal problema per il quale ci si è recati da lui/lei, a volte consigliando di fare delle radiografie per avere più chiaro la situazione.

E ancora, un dentista esegue anche pulizie dentali, anche se per la maggior parte delle volte se ne occupa un igienista dentale, e si consiglia di eseguirla una o due volte l’anno.

Poi ovviamente estrae denti, che è una delle operazioni più comuni, e tante volte inevitabili, soprattutto quando non ci sia veramente altra alternativa per un dente totalmente cariato o comunque danneggiato. Ricordiamo che l’operazione di estrazione dentale viene svolta in anestesia locale e viene prescritta una cura antibiotica da seguire sia prima che dopo l’intervento, perché è proprio di un intervento chirurgico che si tratta.

Non solo. Un dentista pratica le famose otturazioni, altra operazione molto comune, che altro non è che la procedura mediante la quale i denti cariati vengono riempiti e ricoperti con una amalgama o con materiali di altro tipo, come la porcellana, l’oro, l’argento, o una particolare resina.

Inoltre montare corone, utilizzate nella realizzazione dei famosi ponti, ovvero denti posticci, fa anch’esso parte del lavoro del dentista insieme ad altri trattamenti chirurgici specifici che consistono nella rimozione del nervo e/o della polpa del dente ormai contaminata da batteri.

Da non dimenticare è poi certamente l’implantologia, pratica molto molto costosa e scomoda per il paziente, da considerarsi però solo come ultima spiaggia, nel caso in cui cioè non ci sia veramente più nulla da fare per recuperare un dente malato.

In ultimo un dentista si occupa anche di marketing, mettendo su una serie di iniziative che servono in primis a comunicare con i propri pazienti, poi ad attirare un maggior numero di clienti nel proprio studio, e a constatare il livello di gradimento dei propri pazienti, anche tramite veri e propri sondaggi, al fine di trattenerli e di mantenere un alto grado di soddisfazione.

In conclusione, un dentista è colui che può determinare considerevolmente le sorti della nostra bocca, quindi occhio!